Simona Guerra  

Email: info [at] simonaguerra.com ■

Tel. 338.8048294


Consulente Archivi Fotografici

 

IL "BAMBINO DI SCANNO" HA FINALMENTE UN NOME


Home

News

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ARCHIVI

MARIO GIACOMELLI

EXPERTISE

INSEGNAMENTO

MOSTRE

ALTRI PROGETTI

COLLABORAZIONI

PUBBLICAZIONI

BIO/CONTATTI

 

 

 

 

 

Diario di Fotografia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Bambino di Scanno © Simone Giacomelli

© Simone Giacomelli

 

Dopo 56 anni e diverse ricerche è oggi rivelato il nome di un'icona della storia della fotografia mondiale: “Il bambino di Scanno”, un’immagine che fu scattata dall’italiano Mario Giacomelli durante una visita in Abruzzo.

La fotografia ritrae in maniera fiabesca, quasi irreale, delle figure femminili scure e mosse che avanzano verso l’osservatore mentre un unico soggetto centrale è fermo e a fuoco: un bambino che cammina con le mani in tasca.
Egli si chiama Claudio De Cola e il 19 ottobre 1957, come le altre persone ritratte, stava uscendo dalla chiesa di Sant'Antonio da Padova dopo una funzione religiosa.
Dopo diverse ricerche negli archivi e a Scanno sono riuscita a incontrare i genitori del bambino, che oggi ha più di sessant’anni e che da molto tempo non vive più a Scanno.
Il suo riconoscimento, confermato dal soggetto, è stato fatto dai genitori, in particolare dalla mamma Teopista Di Gennaro che ha mostrato diverse immagini del ragazzo in cui è sorprendente constatare in maniera inconfutabile le generalità del bambino ritratto da Giacomelli.


Ma c'è dell'altro: oltre al bambino sono state riconosciute da molti abitanti del luogo anche le due signore in primo piano, ormai purtroppo scomparse. La donna a destra sembra rispondere al nome di Paolina De Crescentis mentre quella a sinistra si chiamava Sapienza Fronterotta. Quest’ultima, che più della prima sembra essere coperta da una sciarpa nera, mostra un fazzoletto particolare che le copre la bocca e che si indossava a Scanno nei periodi di lutto.

Comparazioni d'immagini
© Mattia Gallo (www.mattiagallo.com)

 La mamma del bambino
© Lisa Calabrese

Seppure conosceva il nome del fotografo e altri suoi scatti, la mamma del bambino ha detto di aver solo sentito parlare di questa fotografia e ha espresso il desiderio di avere una copia dell’immagine da tenere per ricordo accanto ad altre della sua famiglia. Ha detto poi di non rammentare - come anche lo stesso bambino ha affermato - il giorno in cui è venuto il fotografo mentre si è ricordata del cappellino cucito da lei all'uncinetto che il figlio indossa nella fotografia.

In accordo con Claudio De Cola ho deciso di non divulgare l’immagine delle sue sembianze attuali; questo in rispetto dell’opera di Mario Giacomelli.
Ritrarre il bambino, oggi un uomo maturo, significherebbe uccidere quel ragazzo; distruggere l'aurea magica che la sua figura nella foto ha sempre emanato. Le donne sfocate, il selciato mosso, quasi illeggibile e il bambino che ci guarda in silenzio hanno un che di misterioso, a tratti inquietante. Penso che la storia di questa fotografia abbia ancora molti aspetti celati, sia tecnici che storici, ma non proprio tutti hanno necessità di essere svelati se vogliamo mantenerli tali.

La mia indagine su questa fotografia ha per oggetto un libro, che pubblicherò presto. Dall’inizio di questa ricerca mi sono chiesta molte volte se sarebbe stato più interessante cercarlo oppure trovarlo. Ho scelto di cercarlo soltanto. D'altronde è questo che Mario Giacomelli mi ha insegnato: che la fotografia è un modo di vivere, di assaporare le cose, di gioire e soffrire. Lui aveva paura della vecchiaia e non della morte. Perché? Perché morire è come trovare: finisce tutto lì.

La mamma del bambino
© Mattia Gallo (www.mattiagallo.com)

I genitori di Claudio De Cola, il bambino di Scanno, e Simona Guerra
(© Mattia Gallo. www.mattiagallo.com)

A Scanno sono andata per lavorare su me stessa, per scrivere la mia storia e tramite il bambino posso dire di essere andata incontro alla mia vita. Molti bei momenti mi sono stati regalati dalla semplicità delle persone del luogo, dagli amici che mi hanno accompagnata, da quelli che ho trovato ad accogliermi. A Scanno le persone sono ancora serene, cordiali; con le loro abitazioni aperte a una sconosciuta come me che ha bussato alla porta di mezzo paese con una fotografia in mano chiedendo se questo bambino lo avevano mai visto.

 

Notizie storiche su Giacomelli

Mario Giacomelli (1925-2000) è un fotografo italiano. Visse tutta la sua vita a Senigallia, una piccola cittadina sul mare adriatico dove lavorò sempre come tipografo presso la storica Tipografia Marchigiana. Si dedicò alla fotografia soltanto nel tempo libero e venne definito, ironicamente, “il Fotografo della domenica”.
Le sue immagini sono molto note e importanti per la storia dell’arte e della fotografia mondiale. Se dapprima furono i suoi noti paesaggi a imporsi sulla scena italiana, successivamente acquisì grande fama anche all’estero soprattutto dopo il 1963, anno in cui proprio questa fotografia del Bambino di Scanno venne esposta nella celebre mostra “The photographer’s Eye” presso il MOMA di New York. 

 I genitori del bambino di Scanno e Simona Guerra
sulle scale della chiesa di Scanno
nei pressi della quale nel 1957 Giacomelli scattò la foto
(© Mattia Gallo. www.mattiagallo.com)
Giacomelli a Scanno mentre fotografa nel luogo in cui realizzò
la famosa fotografia - 1957

(
© Renzo Tortelli)

 

Ringraziamenti

Per questa ricerca desidero ringraziare in particolare: Michele Smargiassi; Lisa Calabrese, Mattia Gallo e Andrea Balerci che mi hanno accompagnata e che hanno documentato gli incontri; Claudio D'Alessandro e Enzo Gentile per la loro disponibilità;  Renzo Tortelli; Simone Giacomelli per i suoi consigli e per avermi aperto ancora una volta l'archivio di Mario; la famiglia De Cola e in particolare Teopista Di Gennaro - una donna d’altri tempi da cui ho molto imparato.

 

Dedicato a Andreina, di Scanno.
Perché suo figlio torni come lei vorrebbe;
perché il suo paese scelga di non lasciare sola questa madre.


PRIVACY POLICY  | INFORMATIVA COOKIES

 

SIMONA GUERRA - partita iva: 02639001201

 

[grafica e webmaster: Lisa Calabrese]

bambino di Scanno, Scanno, Abruzzo, Italia, Europa , paese , terra , paese , regione , città, paese,
ragazzo , bambino, nome , Claudio de Cola,
fotografare, fotografi, fotografia , fotografo, fotografie , scattò , scattare, stampa , fotografica, riproduzione, copia , immagini , immagini , illustrazione, illustrazioni , icona della fotografia , icona , iconico, trovare , da , vedere , incontrare , conoscere , scoprire , pensare, prendere , sentire , toccare , evocare , scegliere , trovare se stessi ,
Mario Giacomelli , Senigallia , Marche, marchigiano, Simona Guerra, Simona, Guerra, storia della fotografia , fotografia italiana , italiano , italiani, Italia , Neorealismo , archivi, archivio , tipografia , tipografo , arte moderna , arte contemporanea , land art , cinema, paesaggi , paesaggio ,pretini , documento, post-bellico, seminari italiani ,
John , Szarkowski , curatore , storico, critico , Arte Moderna , MOMA , MoMa , The Photographer's Eye, Looking at Photographs, l'occhio del fotografo, 1963 , New York , NY , Museum of Modern Art ,
fuori fuoco, a fuoco, mirato, sfuocato, sfocato, chiaro , aura magica , misteriosa , tecnico , tecnica , storica , storico , elementi , irreale , favola , atmosfera , piedi , mani in tasca , Chiesa , funzione religiosa , madre, donne , madre del bambino , gente , Mattia Gallo , Lisa Calabrese , Andrea Balerci , Claudio D'Alessandro , Enzo Gentile, Renzo Tortelli , Simone Giacomelli , Claudio de Cola, 19 ottobre 1957, chiesa di Sant'Antonio da Padova, Paolina de Crescentis, Sapienza Fronterotta, fazzoletto, lutto, tipico, aurea magica, donne sfocate, Tipografia Marchigiana, fotografo della domenica,